Come proteggersi durante i lavori a contatto con l’amianto

amianto-come-proteggersi

In base al D.Lgs. 81/08, il datore di lavoro deve dotare i propri dipendenti di specifici dispositivi di protezione del corpo e delle vie respiratorie.

Amianto: fibra killer

Il termine Amianto indica un gruppo di minerali naturali conosciuti già dall’antichità per le eccezionali proprietà fisiche e tecniche, tra cui la resistenza al fuoco, all’usura, agli aggressori chimici ed elettrici. Le sottilissime fibre di cui è composto questo materiale sono invisibili a occhio nudo e, quando disperse nell’aria, possono essere facilmente inalate, determinando l’insorgenza di neoplasie maligne.
La Legge 257/92 ha messo al bando in Italia questo pericolosissimo elemento e oggi, dopo 23 anni dal divieto di utilizzo, continuano gli interventi di risanamento
Le operazioni di bonifica sono tutelate dal D.Lgs. 81/08, che fissa le linee guida per la rimozione dell’Amianto.
In base a questo Decreto Legislativo, il datore di lavoro deve predisporre un preciso piano di lavoro per le attività di demolizione e asportazione e deve dotare i propri dipendenti di specifici dispositivi di protezione del corpo e delle vie respiratorie.

Lavorare protetti dal rischio di Amianto

Ogni lavoratore ha l’obbligo di indossare tute integrali monouso, guanti di protezione, stivali di gomma, calzari a perdere e dispositivi di protezione delle vie respiratorie. Tutti questi elementi devono possedere il marchio CE, la dichiarazione di conformità CE e una nota informativa.
I dispositivi di protezione delle vie aeree appartengono ai DPI di terza categoria e si dividono in due tipi: a filtro o isolanti.
I respiratori isolanti possono essere collegati a una sorgente d’aria esterna oppure a una bombola d’aria autotrasportata. Invece, i respiratori a filtro sono dotati di una maschera facciale o di un casco con auto-ventilazione. Possono avere un filtro incorporato oppure essere collegati a una pompa con filtro legata alla cintura.
I respiratori facciali, devono rientrare in determinati standard di sicurezza. Anzitutto le maschere devono essere ergonomiche, leggere, innocue e solide. Inoltre, non devono limitare il campo visivo, devono fornire alti livelli di protezione e i filtri devono essere facilmente smontabili.
Esistono diversi fattori di protezione dei respiratori che indicano l’entità di protezione offerta. E’ bene prestare molta attenzione a questo parametro, soprattutto in base al lavoro di bonifica da effettuare.

In particolare, durante i lavori di rimozione dell’amianto, è consigliato l’uso di un Elettrorespiratore  a filtro antipolvere completo di maschera intera che aiuta  a proteggere in modo efficace le vie respiratorie dall’amianto.