Consulenza sull’impiego di prodotti fitosanitari: dal 26 novembre 2015 bisogna essere in possesso del certificato di abilitazione

55

Chi vuole esercitare attività di consulenza sull’uso dei prodotti fitosanitari deve possedere idonea autorizzazione, la stessa viene rilasciata in seguito al superamento di un esame.

Al fine di armonizzare la normativa italiana alle direttive dell’Unione Europea sull’uso e distribuzione dei fitofarmaci, è stato emanato il decreto legislativo 150/2012 in recezione della direttiva 128 del 2009 che adotta norme per la produzione, la vendita, l’acquisto e l’impiego di fitosanitari. La normativa di recepimento, conosciuta anche come Piano d’Azione Nazionale, adottata dall’Italia prevede l’applicazione dal primo gennaio 2014 delle norme sulla difesa integrata e dal 26 novembre del 2015 le nuove norme per il rilascio delle autorizzazioni alla vendita, all’acquisto e all’uso di agrofarmaci. La normativa prevede tre tipologie di patentino:

  1. vendita;
  2. acquisto ed utilizzo;
  3. consulenza.

Come visto, chi vuole esercitare attività di consulenza sull’uso dei prodotti fitosanitari deve possedere idonea autorizzazione, la stessa viene rilasciata dalla Regione o dalle province Autonome di Trento e Bolzano, in seguito al superamento di un esame.

Chi potrà ottenere tale autorizzazione?

Il patentino non viene rilasciato a tutti, ma occorre avere dei requisiti: in base all’articolo 8 del decreto legislativo 150 del 2012 l’autorizzazione all’attività di consulente viene rilasciata a chi è in possesso di uno dei seguenti titoli: diplomi o lauree in discipline agrarie, forestali.

Ciò non basta perché devono seguire corsi specifici che diano conoscenza delle materie indicate nell’allegato al decreto. Il corso è valido se sono state seguite almeno il 75% delle lezioni. Alla fine del corso è necessario superare un esame teorico per avere l’abilitazione alla consulenza sull’uso dei prodotti fitosanitari. Il patentino rilasciato ha validità di 5 anni e alla scadenza, per poter continuare a operare, è necessario seguire un corso di aggiornamento la cui durata solitamente coincide alla metà delle ore del corso per il rilascio. L’iscrizione ai corsi per il rinnovo dell’autorizzazione deve avvenire prima della scadenza dei cinque anni, effettuata la stessa, vi sono sei mesi di tempo dalla scadenza del patentino per conseguire il rinnovo. Le modalità di svolgimento del corso vengono scelte dalle singole Regioni. I corsi devono essere seguiti presso istituti accreditati e riconosciuti dalla Regione. Il patentino rilasciato deve essere munito di foto ed è di tipo personale. Sono fatte salve le autorizzazioni ottenute prima dell’entrata in vigore della normativa, alla naturale scadenza delle stesse sarà necessario adeguarsi alle nuove norme.