Corso utilizzo DPI terza categoria: ecco quali dispositivi per le vie respiratorie è meglio usare

corso-utilizzo-dpi-terza-categoria

Durante i corsi per l’utilizzo dei DPI di terza categoria, gli operatori vengono istruiti sul corretto utilizzo dei dispositivi e soprattutto su quali comportamenti assumere in caso di malfunzionamento degli stessi.

Corsi per l’utilizzo dei DPI

I dispositivi di protezione individuale sono spesso indispensabili nello svolgimento di particolari operazioni in ambito lavorativo. Si tratta di sistemi atti a proteggere l’operatore dai pericoli del suo lavoro: molte volte vengono considerati come dei veri e propri dispositivi salvavita che isolano il lavoratore e le sue parti vitali.
I dispositivi di protezione individuale non sono tutti uguali, anzi, sussistono notevoli differenze che si configurano tra i livelli di protezione garantiti.
Per l’impiego di particolari tipi di DPI, soprattutto quelli che vengono utilizzati per la protezione delle vie respiratorie, è necessario seguire dei corsi di preparazione per il loro corretto utilizzo. I dispositivi per le vie respiratorie, infatti, in molti casi sono degli strumenti imprescindibili, senza i quali l’operatore si esporrebbe al rischio di morte per esalazione di materiali e sostanze tossiche per il corpo umano. Questi dispositivi salvavita rientrano nella terza categoria, ossia in quei sistemi complessi e articolati che permettono di isolare completamente il lavoratore, che può svolgere la sua naturale attività respiratoria senza rischio alcuno, assicurandosi la completa protezione. Si tratta per lo più di maschere con filtro e gli operatori tenuti all’utilizzo vengono istruiti con dei corsi specifici in cui viene loro insegnata la corretta respirazione con questi sistemi, la manutenzione ma, soprattutto, viene insegnato a riconoscere i segnali di una sofferenza della maschera o di un mal funzionamento in modo tale da poter intervenire tempestivamente per rimediare e, quindi, mettere in salvo la vita.
Durante i corsi per l’utilizzo dei DPI di terza categoria vengono utilizzate solitamente le maschere a protezione completa dotate di filtro, nei modelli più complessi, che aiutano l’operatore a sapersi destreggiare anche con i modelli di più semplice utilizzo.

I dispositivi di protezione individuale nei corsi

Prima di addentrarsi nelle specifiche di uno dei dispositivi di protezione individuale di terza categoria che si consiglia di utilizzare durante i corsi, è bene dire che oltre a quelli dedicati alle vie respiratorie, ci sono anche quelli di protezione per gli arti contro gli agenti chimici. Gli operatori che svolgono mansioni direttamente a contatto con reagenti chimici sanno perfettamente che molti di questi possono essere letali, o comunque causare danni gravissimi, con il semplice tocco.

Guanti e tute rappresentano il miglior schermo contro questo tipo di sostanze ma, per le vie respiratorie, niente è più efficace di un elettrorespiratore con casco.
In sostanza, si tratta di un casco integrale completamente schermato dall’esterno e dotato di un sistema di filtraggio che purifica l’aria in ingresso. All’interno del casco si crea una lieve sovrapressione che impedisce l’ingresso d’aria contaminata.  I modelli più recenti sono wireless, ovvero non presentano cavi elettrici o tubi esterni in quanto batterie e centraline di ventilazione sono integrate all’interno del casco stesso.

Durante il corso per l’utilizzo dei dpi di terza categoria, all’operatore viene insegnato il funzionamento del sistema, la sua struttura e il modo corretto di interagirvi: caricare le batterie, pulire/sostituire i filtri, effettuare la manutenzione ordinaria sono operazioni fondamentali per preservarne il corretto funzionamento.

Tra i dispositivi di protezione individuali di terza categoria, quello più indicato durante i corsi è il Respiratore Kompat88 fornito dell’azienda Kasco srl.