Quali sono i rischi dei lavoratori nelle lavanderie industriali? Con quali DPI è possibile proteggersi?

dpi lavanderia industriale

Gli operatori impiegati nelle lavanderie industriali sono costantemente a contatto con prodotti chimici, spesso anche aggressivi, che possono irritare seriamente le mucose respiratorie. Vediamo con quali DPI possono proteggersi.

Rischi dei lavoratori nelle lavanderie industriali

Le lavanderie industriali sono delle strutture adibite al lavaggio e all’igienizzazione di grandi quantitativi di biancheria. Si rivolgono alle industrie tessili e alle grandi strutture ricettive: si tratta di un servizio b2b su larga scala in cui gli operatori sono impegnati quotidianamente in un ambiente ricco di macchinari e di prodotti chimici per il lavaggio.

Gli operatori impiegati nelle lavanderie industriali sono costantemente a contatto con prodotti chimici, spesso anche aggressivi, che possono irritare seriamente le mucose respiratorie e tutto l’apparato ma anche il derma, con eruzioni cutanee che spesso possono raggiungere elevati livelli di criticità. I detergenti chimici impiegati nelle lavanderie industriali sono prodotti di forte intensità che devono pulire in profondità i tessuti e igienizzare rapidamente: sono prodotti nella cui composizione possono essere presenti sostante altamente irritanti e/o tossiche per l’uomo, come gli Alchilfenoloetossalati.

Il rischio maggiore che corre un operatore nelle lavanderie industriali è quello di entrare in contatto con questi prodotti: il semplice contatto durante un’operazione può causare problemi di grave entità, che spesso possono evolvere in dermatiti croniche a tratti invalidanti. L’altro rischio è quello legato all’inalazione: in molti casi le sostanze presenti in un prodotto per la detersione industriale sono altamente volatili e vengono facilmente respirate con conseguente irritazione delle vie respiratorie.
Un altro dei rischi non è legato a fattori biologici ma bensì acustici, perché lavorare intere giornate in un ambiente in cui vengono contemporaneamente attivate numerose macchine, come accade in una lavanderia industriale, può provocare sul lungo periodo un danno irreversibile all’apparato uditivo, con deficit anche di grave entità.

DPI per la protezione dei rischi

Chi lavora in una lavanderia industriale, quindi, è tenuto ad adottare dispositivi di protezione individuale che lo proteggono dai rischi tipici della mansione svolta.
E’ evidente che in un’industria come questa, gli impiegati non siano tutti concentrati nello svolgimento di un’unica mansione ma siano a loro assegnati diversi compiti, che richiedono dpi lavanderie industriali diversi.
In linea generale, però, chiunque sia impiegato all’interno di una struttura come questa è tenuto a indossare dispositivi di protezione uditiva, ossia cuffie in grado di attenuare i forti rumori che provengono dai macchinari in azione. Si tratta di una prevenzione che permette di non causare all’apparato uditivo traumi derivanti da una lunga esposizione a rumori costanti, monotoni, di media-forte intensità. Infatti, non bisogna fare l’errore di pensare che solo i rumori più forti siano dannosi per l’udito, perché i danni maggiori vengono causati dalle lunghe esposizioni: non sono tanto i valori puntuali dei decibel misurati ma il tempo di esposizione agli stessi a essere dannosi per la salute dell’udito.
Chi, invece, opera a stretto contatto con i macchinari da lavaggio, è tenuto anche a indossare guanti e maschere per evitare il rischio biologico. I guanti per questo genere di lavori devono essere certificati UNI EN 374/1/2/3 e devono essere resistenti alla penetrazione e alla permeazione. Le maschere, invece, devono essere dotate del filtro che blocca la propagazione delle particelle nocive a livello dell’apparato respiratorio. I DPI lavanderie industriali sono una sicurezza contro i rischi biologici e uditivi di questo lavoro.

L’azienda Kasco srl, fornisce una tipologia di respiratore con semimaschera indicato per gli operatori delle lavanderie industriali.