Come ottenere il patentino per l’acquisto e l’uso di prodotti fitosanitari

patentino-fitofarmaci

L’uso dei prodotti fitosanitari in agricoltura è molto diffuso, mentre alcuni sono per lo più innocui per coloro che li utilizzano, altri hanno delle caratteristiche che li rendono potenzialmente pericolosi per la salute soprattutto dell’apparato respiratorio, ma non solo.

Per questo motivo per l’uso dei fitofarmaci più pericolosi è necessario seguire delle norme stringenti da apprendere durante il corso di formazione per ottenere il patentino.

Le normative per l’ottenimento dell’autorizzazione all’acquisto di fitofarmaci prevedono un’integrazione tra norme nazionali e norme regionali.

In base al DPR 290 del 2001, art 25, per poter comprare ed utilizzare prodotti fitosanitari classificati come nocivi, tossici o molto tossici è necessario conseguire un patentino la cui durata di validità è di 5 anni, alla scadenza dei quali può essere rinnovato seguendo un corso di aggiornamento.

Come si può ottenere il patentino?

I requisiti per ottenere il patentino sono l’aver compiuto 18 anni e aver seguito un corso di formazione specifico.

Se il richiedente ha una laurea in Scienze Agrarie, Scienze della produzione animale ovvero titoli di studio universitario equiparabili, diploma di perito agrario o di agrotecnico può ottenere il patentino senza seguire i corsi.

La valutazione ha lo scopo, in base all’articolo 26, di accertare se l’interessato abbia conoscenza dei pericoli inerenti la detenzione, conservazione, manipolazione ed utilizzazione dei prodotti fitosanitari volti a migliorare il ciclo produttivo, curare o prevenire problemi riguardanti le produzioni agricole come le infestazioni di funghi, parassiti o erbe infestanti.

Il corso deve anche fornire conoscenze riguardanti i pericoli per la salute derivanti dall’utilizzo dei prodotti fitosanitari classificati come nocivi, tossici e molto tossici, fornire al richiedente le conoscenze delle normative previste sull’uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie e i requisiti necessari per l’omologazione delle stesse in base alle norme di legge.

Le modalità di valutazione vengono decise dalla singola regione. Il patentino è rilasciato dall’ufficio regionale competente e deve indicare in modo univoco il titolare e la sua residenza tramite inserimento di foto e generalità.

La durata del corso è stabilita dalle varie regioni, solitamente si tratta di 15-20 ore, mentre i corsi di aggiornamento hanno una durata minore.