Come proteggersi in modo efficace durante il trattamento con gli antiparassitari

protezione-durante-trattamento-antiparassitariprotezione-durante-trattamento-antiparassitariprotezione-trattamento-antiparassitari

Fare l’agricoltore significa lavorare a contatto con la natura, all’aria aperta, ma a volte si rende necessario l’uso di prodotti chimici indispensabili come gli antiparassitari e per questa ragione si devono adottare le corrette misure di sicurezza.

Ma come ci si può proteggere in modo efficace?

Spargere antiparassitari sulle colture può essere molto pericoloso per la salute degli operatori. Per questa ragione ci si deve attrezzare per proteggere non solo le vie respiratorie, sicuramente le più esposte, ma anche occhi e possibilmente tutto il resto del corpo.

In commercio si possono trovare kit contenenti tutto il necessario, dalla maschera ai guanti, ed una tuta monouso. Lavare un capo che è stato esposto ad agenti chimici come gli antiparassitari è altamente sconsigliato, e questa è la motivazione alla base della scelta di inserire tute monouso nei kit.

Le maschere devono essere comode, e permettere una corretta respirazione, senza appannarsi. Inoltre i filtri vanno tenuti sempre sotto controllo e sostituiti immediatamente quando si sentono cattivi odori, o comunque entro le 50 ore di lavoro, o almeno una volta all’anno. Guanti e tuta devono essere in grado di resistere alla corrosione dovuta agli schizzi degli antiparassitari, in particolar modo proprio i guanti che possono entrare in diretto contatto con le sostanze chimiche, dovrebbero garantire un grado di protezione 3 a lunga durata ed essere anatomici, impermeabili e anti scivolo. Anche la tuta deve avere cuciture garantite con grado di protezione 3 e cioè deve garantire una protezione diretta ai getti in pressione e non solo agli spruzzi.

Si consiglia quindi di acquistare i kit di protezione seguendo queste regole, e non affidandosi solamente ai colori, ai materiali ed ai prezzi. In ogni caso, l’utilizzatore deve sempre e comunque verificare che i sistemi di protezione utilizzati riportino il marchio CE.

Va ricordato che il rischio di contaminazione con le sostanze antiparassitarie non avviene solamente durante l’irrorazione del prodotto, ma si devono prestare gli stessi accorgimenti anche durante la preparazione del prodotto e durante tutte le procedure di pulizia e decontaminazione dei macchinari usati per l’irrorazione del prodotto chimico. In ogni caso gli obblighi di legge da seguire sono ben descritti nelle normative.

Kasco srl produce un kit specifico per la protezione dalle sostanze antiparassitarie che include:  una maschera pieno facciale, un filtro combinato ad alta efficienza, un paio di guanti in nitrile floccati cotone e una tuta monouso.