Rischi per i lavoratori dell’industria plastica: ecco come proteggersi

rischi-industria-plastica

L’industria plastica è uno dei più importanti comparti industriali del nostro Paese. Sono tantissime le fabbriche che quotidianamente operano per la produzione dei polimeri plastici che poi diventano prodotti di uso quotidiano. Gli operatori di questo comparto industriale lavorano a stretto contatto con sostanze potenzialmente molto nocive, che si insinuano facilmente nelle vie respiratorie causando danno piuttosto gravi a carico degli organi interni.

I rischi nell’industria plastica

L’industria plastica è uno dei più importanti comparti industriali del nostro Paese. Sono tantissime le fabbriche che quotidianamente operano per la produzione dei polimeri plastici che poi diventano prodotti di uso quotidiano. Gli operatori di questo comparto industriale lavorano a stretto contatto con sostanze potenzialmente molto nocive, che si insinuano facilmente nelle vie respiratorie causando danni piuttosto gravi a carico degli organi interni.
Infatti, per la produzione dei polimeri plastici si utilizzano spesso solventi e componenti con un alto livello di tossicità, tra i maggiori rischi industria plastica a cui sono sottoposto gli operatori di questo settore ci sono le irritazioni e le infiammazioni del cavo orale e di tutte le vie respiratorie: i tessuti umani, infatti, reagiscono alla presenza dei vapori inalati e le lesioni sono simili a quelle che vengono causate dalle ustioni. Tuttavia, esistono danni molto più consistenti che si caratterizzano da una elevata probabilità di morte e sono quelli causati dai tumori che spesso si sviluppano quando l’operatore si sottopone per un lungo periodo di tempo all’esposizione con questi reagenti e solventi. I tumori più frequenti si verificano a carico dei polmoni, ma non sono rari i casi di cellule tumorali nel cavo orale e nell’esofago. I rischi per chi lavora in questo settore, quindi, sono piuttosto seri e importanti: solo negli ultimi anni se n’è capita la reale portata e sono state sviluppate soluzioni adeguate per proteggere la salute degli operatori del settore, evitando loro di mettere a rischio la propria vita per svolgere il lavoro a cui sono chiamati. I dispositivi di protezione individuali per le vie respiratorie sono obbligatori quando si opera nel comparto plastico.

I DPI per l’industria plastica

I dispositivi di protezione individuale per gli operatori dell’industria plastica nascono per proteggere al meglio le vie respiratorie garantendo al tempo stesso una completa libertà di lavoro senza intralci.

I dispositivi di protezione individuale contro i rischi stampaggio plastica sono degli strumenti piuttosto complessi e non possono essere utilizzate a questo scopo le semplici maschere che vengono utilizzate in altri ambiti.

Un operatore dell’industria plastica, infatti, deve necessariamente avere un dispositivo che filtri l’aria in ingresso e blocchi tutti le particelle tossiche che andrebbero a depositarsi nelle vie respiratorie. Per questo motivo è indispensabile utilizzare un respiratore con filtro, che grazie a un ventilatore e a un sistema di purificazione permette all’operatore di lavorare in completa autonomia con la sicurezza di non respirare solventi tossici. Questi respiratori hanno un sistema in ingresso e in uscita: permettono all’aria di entrare, purificata, garantendo la massima libertà di lavoro ma grazie al sistema di valvole in uscita permettono all’anidride carbonica di essere espulsa per evitare la formazione del fastidioso effetto condensa: grazie a questo meccanismo, l’operatore delle industrie plastiche può lavorare in maniera continuativa senza essere mai costretto a rimuovere il respiratore durante la sua attività.
La tecnologia ha fatto enormi passi in avanti in questo comparto, realizzando respiratori completamente indipendenti che non hanno bisogno di nessun collegamento via cavo e che, quindi, garantiscono la massima libertà di spostamento e di movimento durante lo svolgimento delle mansioni.

L’azienda Kasco è un’azienda leader nel settore dei DPIL’alto livello qualitativo dei dispositivi Kasco per la protezione delle vie respiratorie, è garantito da un sistema di qualità certificato ISO9001 e documentato da certificazioni di prodotto secondo le vigenti normative europee, americane ed australiane.