Il Mag Farmitoo: “intervista a Cristian Di Chiara, Sales Manager di Kasco Srl, specialista in dispositivi di protezione delle vie respiratorie”

Buongiorno, potrebbe raccontare brevemente come nasce KASCO Srl? Quali sono le sue principali peculiarità?

KASCO nasce nel 1977 a Reggio Emilia. L’idea è quella di sviluppare un respiratore per la protezione degli agricoltori dai trattamenti fitosanitari. Molto è cambiato da allora, ma già il primo modello commercializzato si distingueva per un connubio tra design e funzionalità che oggi si ritrova in tutti i nostri articoli.

Quali sono i vostri prodotti faro? Qual è il loro principale utilizzo (Potrebbe farci un esempio, caso pratico ecc.)?

Sicuramente il nostro core business è costituito dai respiratori con casco: una protezione completa e professionale per diverse operazioni di lavoro.

kasco_dispositivi_protezione_respiratoria_casco
Casco per protezione delle vie respiratorie K80S T9

Penso ad esempio all’irrorazione in agricoltura, ma anche ad applicazioni di verniciatura, o vari tipi di lavorazioni industriali. Abbiamo diversi modelli di respiratori, ognuno pensato per un campo specifico.

Sono poi molto apprezzate le maschere pieno-facciali

kasco_maschera_pieno-facciale
Maschera Pieno Facciale Venus1 T5

ed i filtri a marchio KASCO.

kasco_filtro_maschera_protezione_respiratoria
Filtro ZA2P3 per Maschera di Protezione Respiratoria di Alta Capacità

Qual è il valore aggiunto dei vostri prodotti? Per quali ragioni li consiglierebbe?

L’incessante processo di ricerca, sperimentazione ed innovazione è il nostro valore aggiunto. Il funzionamento dei nostri prodotti è garantito da 40 anni di esperienza. Abbiamo ottenuto riconoscimenti a livello europeo e, non ultimo, ascoltiamo i feedback degli utilizzatori per configurare soluzioni protettive sempre più in linea con le loro esigenze.

I nostri prodotti a marchio si distinguono sul mercato per qualità, affidabilità e comfort.

Qual è la vostra visione dell’e-commerce per la vendita e l’acquisto di attrezzature per l’agricoltura o l’allevamento?

Oggi l’e-commerce per la vendita di attrezzature e macchine agricole costituisce una sfida interessante per raggiungere nuovi target e canali finora non presidiati. Inoltre, esso rappresenta un’ottima leva di integrazione con la comunicazione offline.

Secondo voi, quale ruolo ha oggi il digitale nel mondo agricolo? In che modo Internet ha modificato/innovato la vostra attività?

Bisogna tenere presente che, per i dispositivi professionali come quelli da noi realizzati, si rende spesso necessario un profondo scambio di comunicazioni tra noi e l’acquirente. In questo senso il digitale rappresenta oggi un’opportunità per qualsiasi azienda costruttrice. Questi diviene il mezzo fondamentale per raggiungere l’audience e migliorare la propria brand image.

Quali sono i vostri obiettivi per il futuro? Avete qualche nuovo progetto in corso?

Sicuramente puntiamo ad aumentare ancora la quota di mercato, con una particolare attenzione rivolta ai mercati internazionali.

KASCO ha cominciato ad avere rapporti con imprese estere negli anni ’80 e, da quel momento, la crescente internazionalizzazione è sempre stato uno dei nostri principali obiettivi. Non trascuriamo però il mercato italiano dove ci sono ottime opportunità di sviluppo.

La ricerca di nuove soluzioni non si ferma mai: il nostro team tecnico è impegnato nello sviluppo di diverse idee interessanti, alcune ispirate direttamente dai suggerimenti dei clienti.